| Scheda disservizi | Conto Corrente Bancario | Cara Federmot...| Concorsi e ricorsi storici |

Rassegna stampa


Da "Il Messaggero"

7 ottobre 2003


Durante la prova scritta una commissaria, magistrato di Cassazione, avrebbe favorito una candidata correggendo il suo compito
«Indagate sul concorso truccato dei giudici»
 
Il Tar chiede al Guardasigilli di far luce su presunte irregolarità degli esami

ROMA Il ministero della Giustizia dovrà avviare una ispezione sulla regolarità del concorso per magistrato, tuttora in svolgimento. A sollecitare l’attività dell’Ispettorato è stato il Tar del Lazio, dopo che alcuni candidati esclusi dalla prova orale avevano avanzato dubbi sulla trasparenza dei criteri per la correzione dei compiti. A provocare la polemica è stata la scoperta, lo scorso luglio, del tentativo di una commissaria d’esame, consigliere di Cassazione, di correggere il compito di una candidata sua amica. Il magistrato è stata indagata e sospesa dalle funzioni e dallo stipendio, ma adesso molti dei 25 mila candidati chiedono di ripetere le prove.

Il Tribunale amministrativo del Lazio, prima di pronunciarsi sul ricorso di alcuni esclusi, chiede “accertamenti” al Guardasigilli
«Concorso dei magistrati, il ministro indaghi»
 
La candidata favorita da una commissaria, interviene il Tar: serve un’ispezione

di MASSIMO MARTINELLI

ROMA - Adesso nessuno potrà far finta di niente, nei corridoi del ministero della Giustizia. La patata bollente del concorso truccato per entrare in magistratura dovrà essere presa in mano, sbucciata e servita ben aperta a chi deve decidere se quei 25mila ragazzi che sognavano la toga dovranno ricominciare tutto daccapo oppure no. Con una decisione che ha pochi precedenti, il Tar del Lazio ha infatti “invitato” il ministero della Giustizia ad avviare una ispezione formale sull’accaduto. E’ come se un controllato chiedesse al controllore di darsi una mossa per scoprire chi, e perché, e come, ha commesso una grave irregolarità. Eppure, su questa vicenda che vede come protagonista un (ormai ex) alto magistrato di Salerno, il consigliere di Cassazione Clotilde Renna, si sono già mossi in tanti. La Procura di Roma l’ha indagata per falso e abuso in atti d’ufficio; il Csm l’ha sospesa in via cautelare dalle funzioni e dallo stipendio. Ma il ministero, niente. «Evidentemente, temono che una ispezione formale possa rallentare il concorso, o peggio, bloccarlo - sussurra un alto funzionario del ministero che chiede l’anonimato - E di questi tempi, sarebbe davvero negativo rinunciare ai nuovi magistrati».
Eppure, il Tar del Lazio, questa ispezione la chiede ufficialmente. Anzi la “ordina”, come si legge nell’ordinanza del 25 settembre scorso. E assegna anche un termine al Capo dell’Ispettorato: 45 giorni. Al termine dei quali dovrà essere depositata una relazione che risponda ad una serie di quesiti indicati nell’ordinanza.
La storia è nota. Il sostituto procuratore generale di Salerno, Clotilde Renna, da trent'anni in magistratura, già componente della commissione d'esame di quel concorso, è accusata di aver sostituito alcune parti di un compito scritto che era già stato corretto e giudicato insufficiente. L'aggiunta, che tecnicamente gli inquirenti chiamano “falso per addizione” sarebbe servita ad una giovane candidata, per ricorrere contro l'esclusione. Il pm incaricato degli accertamenti, Pietro Giordano, ha già convocato l’alto magistrato per contestargli i reati; e la Renna sarebbe pronta a presentarsi la prossima settimana, assistita dal professor Alfonso Stile. Le indagini della Procura hanno ricostruito tutti i passaggi della vicenda, a cominciare dalla curiosa circostanza che portò alla scoperta del fattaccio: la Renna avrebbe fatto alcune fotocopie del compito corretto e la macchina si sarebbe inceppata per esaurimento della carta; la mattina dopo, una volta ricaricata, avrebbe ricominciato a sfornare copie del compito riveduto e corretto, tra lo stupore degli altri commissari d’esame. E’ stata identificata anche la candidata che avrebbe goduto del falso compito: si tratta di una ragazza che l'alto magistrato conosce e alla quale è legata da un legame affettivo. Questa verifica ha permesso di escludere l'ipotesi della corruzione: se effettivamente la commissaria si adoperò per sostituire il compito della giovane candidata, questo non avvenne dietro pagamento di denaro.
Ma il Tar del Lazio, che non ha poteri investigativi ma deve basare le sue decisioni sugli accertamenti svolti da altri, ha deciso di chiedere al Csm il fascicolo sul caso Renna e di mobilitare il ministero per conoscere una serie di circostanze ancora dubbie. Ad esempio: l’alto magistrato continuò a correggere compiti anche dopo l’episodio della fotocopiatrice? E come faceva a sapere qual’era il compito della sua protetta se gli elaborati erano contrassegnati solo da un numero e la lista dei candidati con il numero di riferimento doveva essere segreta a tutti? E ancora, come sono state formalizzate le dimissioni della dottoressa Renna dalla commissione d’esame, visto qualcuno parla di una lettera di dimissioni con la data lasciata in bianco? Insomma, il Tar del Lazio vuole sapere se qualcuno, in seno alla Commissione, abbia cercato di tenere tutto nascosto anche dopo la scoperta del fattaccio. Intanto, i cinquanta candidati che, con l’assistenza del professor Giovanni Pellegrino, si sono rivolti al Tar, aspettano fiduciosi. Chiedono che i compiti siano corretti di nuovo da una commissione aldisopra di ogni sospetto. E sembra che il Tar abbia intenzione di accontentarli.